I cookie ci aiutano a migliorare la vostra esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare il sito internet fornite il vostro consenso al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Accetto Info
Ti trovi qui: > Diventare mamma
Invia a... stampa pagina stampa in pdf

Il processo del divenire madre

La consapevolezza della propria gravidanza, ricercata o inattesa, innesca un processo di cambiamento che induce la donna a sentirsi responsabile della creatura che ha in sé.
Non sempre e non tutte le donne riescono a vivere con responsabilità e serenità questo passaggio e alcune di loro necessitano di interventi più mirati di altre.
Diventare madre è un processo articolato e complesso che va oltre il “dare alla luce” un bambino. Quello che accade sistematicamente è un naturale e graduale processo di cambiamento che coinvolge la donna fin dai primi mesi di gravidanza, portandola verso importanti trasformazioni sia in ambito fisico che emotivo.
In gravidanza e dopo il parto, soprattutto se la donna è alla prima esperienza, si manifesta in modo più o meno consapevole, la necessità di trovare altre donne che la aiutino e le diano una supervisione nell’“apprendistato” al ruolo di madre: questo aiuto viene ricercato in ambito femminile e soprattutto tra donne esperte, le cosiddette “matrici di supporto”, il cui ruolo è quello di costituire una rete di sostegno.
donna_grav.jpegLe interazioni con la matrice di supporto consentono alla neo-mamma di soddisfare il bisogno di rassicurazioni (mi sto prendendo cura del bambino in modo adeguato), imparare i trucchi del mestiere (ecco come si fa a….), ma soprattutto di appartenenza al nuovo mondo della maternità.I cosiddetti “sintomi” psicosomatici e/o psicologici della gravidanza (quei piccoli o grandi disturbi che rendono meno fluido il decorso della stessa) sono una “spia” delle difficoltà che la persona incontra in questa tappa della vita.Durante la gravidanza la madre è per il figlio il suo ambiente di vita. Per questo motivo sarebbe auspicabile che essa vivesse in modo sano ed equilibrato. Questo risulta più facile per la madre se riesce a entrare in comunicazione e in sintonia con il bambino tanto da riuscire a “sentire” anche le sue necessità.
Quindi una gravidanza in cui la donna abbia uno stile di vita sano è auspicabile come buon presupposto di una relazione madre-bambino improntata al profondo rispetto di entrambi i membri della diade.

Qual è il professionista più indicato a stare vicino alla donna in gravidanza e dopo la nascita del bambino? L’ostetrica è la figura la più idonea non solo per le competenze date dal proprio profilo professionale, ma anche perché possiede tutte le caratteristiche per svolgere pienamente il ruolo di “matrice di supporto”. Sono proprio queste sue caratteristiche ad averne fatto da sempre la figura più ricercata dalle donne in procinto di diventare madri, anche e soprattutto quando sono in situazioni di difficoltà. 
Condividi questa pagina:
Potrebbe interessarti anche: fumo_passivo.jpeg Fumo passivo in auto
L’esposizione al fumo passivo è responsabile ogni anno di migliaia di casi di malattie respiratorie, cardiovascolari e tumori.
Oltre ai danni a lungo temine, questo tipo di esposizione involontaria può causare danni respiratori anche a breve termine, di cui spesso i bambini vengono a essere il bersaglio più sensibile. 
 
Continua >
INSIEME PER MAMME LIBERE DAL FUMO